borsa asiatica

Cina: surplus con Stati Uniti a 34,1 mld in borsa si festeggia

Le esportazioni cinesi hanno iniziato a ingranare nel mese di settembre e sono aumentate del 14,5% rispetto a un anno fà, l’incremento più alto dallo scorso febbraio.

Il dato è superiore ai valori di agosto, che si erano assestati ad un +9,8%.

Guida Trading Bitcoin ForexTB

Ad aiutare Pechino è stata anche la scivolata dello yuan contro il dollaro, quest’anno, del 10,6%, ad un livello di 7, ai minimi dal 2008.

Il surplus commerciale da record della Cina verso gli Stati Uniti è stato di 34,1 miliardi di dollari, nonostante i nuovi dazi sulle importazioni inseriti dal presidente americano Donald Trump, un surplus commerciale che potrebbe acutizzare il contrasto già acceso tra Pechino e Washington.

Secondo gli analisti, la forte crescita dell’export del mese scorso potrebbe conseguire dal fatto che fino ad allora i nuovi dazi decisi dalla amministrazione americana non sono stati ancora avvertiti come particolarmente pericolosi.

Intanto oggi il mercato asiatico chiude in positivo la settimana, a fine seduta il nikkei guadagna lo 0,46%, mentre Hong Kong viaggia e sale dell’1,72% e Shanghai è in positivo per lo 0,51%.

In ogni caso continua a esserci ancora molta volatilità nel mercato.

L’oro cede lo 0,38% a 1.222,9 dollari per oncia, mentre il petrolio Wti americano guadagna 1,03% a 71,7 dollari il barile.

Euro a 1,1594 sul dollaro.

Guida Trading Bitcoin ForexTB

Lascia un commento

Vuoi Investire in Bitcoin da Professionista?

Importi Garantiti con un broker Rispettabile.

Vuoi Provare il trading Bitcoin con un

Conto Demo Gratuito e illimitato?

Nessun documento cartaceo da inviare, Conto Demo senza obblighi ne vincoli di deposito.

Deposito minimo richiesto 200 (circa 180€).

Il 71% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di assumere l’alto rischio di perdere i tuoi soldi.

Le criptoasset sono prodotti di investimento non regolamentati altamente volatili. Nessuna protezione degli investitori dell’UE.