Milionari curiosità Milionari curiosità

Curiosità sui milionari: Segni zodiacali, dove risiedono, età media e percorso educativo

La città di New York è la capitale mondiale dei miliardari, con ben 79 paperoni residenti che vantano un patrimonio netto combinato di 364,6 miliardi di dollari, superiore al PIL della Danimarca. Tra le curiosità sui milionari più ricchi della Grande Mela troviamo l’ex sindaco Michael Bloomberg, che ha superato l’industriale David Koch. Storie come quella dei fratelli Maurice e Harold King, che vivevano in un’umile capanna priva di elettricità e acqua corrente pur possedendo terreni dal valore di 6 milioni di dollari, ci ricordano come anche i milionari possano coltivare uno stile di vita frugale.

Nel prosieguo dell’articolo esploreremo ulteriori curiosità sorprendenti sui milionari, analizzando fattori come il loro segno zodiacale, la dimensione della famiglia ed il percorso educativo. Scopriremo anche se personalità del calibro di Zuckerberg, Bezos e Gates rappresentano la norma o l’eccezione in termini di filantropia e beneficenza. Infine, getteremo uno sguardo sulla concentrazione geografica dei paperoni italiani come i magnati del calcio e dell’arte.

Segni zodiacali dei milionari

Secondo un’analisi dei segni zodiacali dei miliardari, emerge che la maggior parte di loro è nata sotto il segno dell’Acquario, ma vi sono anche numerosi rappresentanti del Toro, del Capricorno e del Leone. Ecco alcuni esempi italiani:

  • Acquario: Tra i miliardari italiani acquari troviamo Miuccia Prada, stilista e imprenditrice della celebre casa di moda, e Giovanni Ferrero, amministratore delegato dell’omonima azienda dolciaria.
  • Toro: Tra i paperoni italiani del Toro spiccano Massimo Moratti, ex patron dell’Inter.
  • Capricorno: Nel segno del Capricorno rientrano Diego Della Valle, presidente di Tod’s, e Renzo Rosso, fondatore di Diesel.
  • Leone: Infine, tra i miliardari italiani del Leone figurano Pier Silvio Berlusconi, amministratore delegato di Mediaset.

Sebbene non esista una correlazione scientifica tra segno zodiacale e successo finanziario, è curioso notare come alcuni segni sembrano predominare nell’élite dei miliardari italiani, rispecchiando in parte i dati globali.

Età media dei milionari

I milionari stanno diventando sempre più giovani, non solo grazie all’eredità. La miliardaria più giovane è Alexandra, un’ereditiera svedese di 18 anni che gareggia nell’equitazione. In media, ci vogliono circa 8 anni per raggiungere il primo milione di dollari di ricchezza.

I super ricchi (coloro che posseggono un patrimonio netto superiore a 1 milione di dollari) valgono complessivamente circa 744 miliardi di dollari e sono circa 2.153 persone. La maggior parte di questi individui ha ereditato almeno una parte della loro ricchezza. I settori che hanno creato milionari più velocemente sono le comunicazioni e la tecnologia, con alcuni che hanno raggiunto il milione di dollari in soli 3-5 anni. Altri settori come la manifattura, l’edilizia/ingegneria e la moda tendono a richiedere più di un decennio per raggiungere il primo milione.

  • Geograficamente, i milionari più veloci provengono dall’Austria (3 anni), dalla Russia e dalla Repubblica Ceca (7 anni).
  • Esempi italiani di milionari “veloci”:
    • Renzo Rosso, fondatore di Diesel, ha raggiunto il primo milione in circa 5 anni.
    • Miuccia Prada, erede della casa di moda Prada, ha ereditato gran parte della sua ricchezza ma ha anche contribuito ad accrescerla rapidamente.

Tra i milionari più rapidi ci sono Jack Ma di Alibaba (quasi istantaneamente) e Jeff Bezos di Amazon (3 anni), mentre altri come Bill Gates e Mark Zuckerberg hanno impiegato più tempo. L’età media dei miliardari è di 65 anni, secondo l’ultima classifica dei più ricchi del mondo di Forbes. Ci sono 15 persone al mondo che sono diventate miliardarie prima dei 30 anni, le due più giovani sono Clemente Del Vecchio e Kim Jung-youn, entrambi sotto i 20 anni.

Di questi 15 miliardari under 30, 11 hanno ereditato la loro ricchezza, mentre solo 4 sono imprenditori self-made. Questi 15 giovani miliardari hanno un patrimonio netto combinato di 64 miliardi di dollari, in aumento di 10 miliardi rispetto al 2023, in gran parte grazie all’enorme eredità di Mateschitz.

Percorso educativo dei Milionari

Contrariamente alla credenza popolare, molti miliardari hanno completato l’istruzione universitaria. Ecco alcuni esempi dei percorsi educativi più comuni tra i super ricchi di diverse aree geografiche:

  • Nord America: Il background educativo più diffuso tra i miliardari è l’ingegneria/informatica, come nel caso di Jeff Bezos, fondatore di Amazon.
  • Europa: Tra i paperoni europei, i percorsi più frequenti sono matematica, economia e storia dell’arte, come per Vasil Bojkov della Bulgaria.
    • Italia: Leonardo Del Vecchio, fondatore di Luxottica, è considerato da Forbes il miliardario italiano più “self-made” nonostante un’infanzia disagiata in un orfanotrofio.
  • Africa: Nelle nazioni africane, i miliardari hanno tipicamente una formazione in economia e gestione aziendale, come Aliko Dangote della Nigeria.
  • Asia: Tra i più ricchi asiatici, troviamo spesso ingegneri o individui senza laurea, come Mukesh Ambani dell’India e Li Ka-shing della Cina.
  • Sud America: I percorsi più comuni sono economia, come per Jorge Paulo Lemann del Brasile, o nessuna laurea, come Iris Fontbona del Cile.
  • Oceania: Nell’area dell’Oceania, i super ricchi hanno spesso nessuna laurea o un master in business, come Gina Rinehart dell’Australia e Graeme Hart della Nuova Zelanda.

Un’istruzione formale non è sempre un prerequisito per accumulare grandi ricchezze, perché alcuni dei miliardari più facoltosi al mondo non hanno completato un percorso universitario. Tuttavia, il livello d’istruzione dei miliardari è aumentato nel tempo, con l’87% dei paperoni americani in possesso di una laurea universitaria, rispetto al 77% negli anni ’80. Inoltre, un background educativo diversificato, che combina discipline tecnico-scientifiche e umanistiche, può contribuire al successo imprenditoriale e all’accumulo di ricchezza.

Concentrazione geografica dei milionari

La concentrazione della ricchezza in Italia presenta alcune peculiarità geografiche interessanti. Secondo i dati più recenti, nel Paese ci sono 3.637 milionari, pari a 6 milionari ogni 100.000 contribuenti o 9 ogni 100.000 dichiaranti dei redditi nel 2020. Però, la distribuzione di questa ricchezza non è uniforme sul territorio nazionale.

  • Regioni più ricche: Milano si conferma il capoluogo di provincia più ricco d’Italia, con un reddito pro capite di 33.703 euro, seguita da Monza (29.597 euro) e Bergamo (29.090 euro). Più in generale, il Nord Italia ospita la maggior concentrazione di milionari e di redditi elevati.
  • Comuni più ricchi: Il comune italiano con il reddito pro capite più alto è Lajatico (PI) con 52.378 euro, seguito da Basiglio (MI) e Bogogno (NO). Molti di questi comuni di piccole dimensioni sono caratterizzati da attività economiche specifiche o dalla presenza di personaggi di spicco.
  • Milionari nel calcio: Un dato curioso è che circa il 10% dei milionari italiani proviene dal mondo del calcio, con uno stipendio medio annuo di 1,65 milioni di euro per i professionisti di Serie A. Questo riflette l’enorme popolarità e business legato al calcio in Italia.

A livello globale, la concentrazione di milionari è ancora più marcata in alcune città chiave:

  • New York è la città con il maggior numero di milionari al mondo, con 345.600 individui ed una ricchezza privata totale superiore a 3 trilioni di dollari.
  • Tokyo (304.900 milionari) e l’area della Baia di San Francisco (276.400 milionari) seguono New York, essendo rispettivamente il secondo e terzo centro urbano con più milionari.
  • Londra, con 272.400 milionari, ha visto un calo di questa popolazione nell’ultimo decennio.

Singapore vanta una delle più alte densità di famiglie milionarie in Asia, con oltre il 5% delle famiglie con una ricchezza netta di almeno 1 milione di dollari.

FAQ: Domande frequenti

 

Chi è stato considerato il più ricco nella storia dell’umanità?

Musa I del Mali, conosciuto anche come Mansa Musa (1280 – 1337), è stato il nono imperatore dell’Impero del Mali e il fondatore della dinastia Laye. Salito al trono nel 1312, è riconosciuto come l’individuo più ricco che sia mai esistito nella storia.

Chi detiene il titolo di persona più ricca del mondo nel 2024?

Nel 2024, Bernard Arnault si posiziona al primo posto come la persona più ricca del mondo, superando Elon Musk, che scende alla seconda posizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *