Bill Gates Bill Gates

L’ex collaboratore di Bill Gates potrebbe presto superare l’ex socio fondatore di Microsoft in termini di ricchezza.

La stima della vasta fortuna di Steve Ballmer, ammontante a 115 miliardi di dollari, lo posiziona in prossimità di Gates nell’elenco dei più facoltosi secondo Bloomberg.

Ballmer deve la sua vasta ricchezza al contratto negoziato quando si è unito a Microsoft per la prima volta nel lontano 1980.

L’ex assistente di Bill Gates è balzato ai vertici della classifica delle persone più ricche del mondo e potrebbe presto superare il rinomato cofondatore di Microsoft e il suo precedente capo in termini di patrimonio netto.

La ricchezza di Steve Ballmer è cresciuta di circa 29 miliardi di dollari quest’anno, portandola a un totale di circa 115 miliardi di dollari, collocandolo al quinto posto nell’elenco dei miliardari di Bloomberg. Adesso si trova in quarta posizione, con 121 miliardi di dollari, appena 6 miliardi di dollari dietro Gates. Questa differenza è notevolmente inferiore ai 17 miliardi di dollari di tre mesi fa. Secondo il suddetto indice, Ballmer attualmente supera in ricchezza personaggi come :

Larry Ellison (114 miliardi di dollari),

Warren Buffett (111 miliardi di dollari),

Larry Page (110 miliardi di dollari),

Mark Zuckerberg (108 miliardi di dollari)

Sergey Brin (105 miliardi di dollari).

Ballmer fece il suo ingresso in Microsoft nel lontano 1980 con la carica di assistente del presidente, anche se finì per assumere un ruolo di responsabilità gestionale piuttosto che di semplice assistente personale. Inizialmente negoziò uno stipendio base di 50.000 dollari più il 10% degli utili generati, ma quando la sua quota di guadagni superò una soglia considerevole, accettò di convertirla in una partecipazione azionaria significativa, secondo quanto riportato da Forbes.

L’affidabile consigliere di Gates scalò costantemente le classifiche fino a diventare CEO di Microsoft nel 2000. Abbandonò tale posizione nel 2014, possedendo 333 milioni di azioni, pari al 4% del totale, come attestato dai documenti normativi. Bloomberg presume che abbia mantenuto la maggior parte di quelle azioni, assegnandogli un valore attuale superiore a 100 miliardi di dollari, sulla base del prezzo corrente delle azioni di Microsoft. È probabile che abbia incassato anche miliardi di dollari in dividendi nel corso degli anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *