Regolamentazione Casinò online

Il governo italiano ha legalizzato il gioco d’azzardo nel 2011, consentendo agli operatori nazionali di settore di aprire casinò online con l’autorizzazione di AAMS (Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato) ora ADM (Agenzie delle Dogane e dei Monopoli). In precedenza, nel 2009, l’UE ha imposto all’Italia di modificare le regole che consentono agli operatori stranieri di proporre giochi d’azzardo online ai residenti italiani.

Millionaireweb.it consiglia

Conto Demo Gratis eToro

Millionaireweb.it

L’Italia ha anche creato un’agenzia per regolamentare il gioco d’azzardo nella nazione. Gli operatori interessati devono ottenere una licenza validata ed autorizzata dall’AAMS.

Prima della fondazione dell’AAMS, il CONI (Comitato Olimpico Italiano) e l’UNIRE (Compagnie ippiche) erano i soli proprietari dei diritti esclusivi di gestione delle scommesse sportive online e il gioco d’azzardo. Solo nel 2003 la Commissione Europea ha presentato una denuncia in cui si affermava che l’Italia non consentiva ai fornitori di servizi legali dell’UE di entrare nel proprio mercato.

L’industria del gioco d’azzardo online è in continua evoluzione, quindi le autorità e gli organismi di regolamentazione stanno iniziando a guardare più da vicino quest’area. In Italia, l’AAMS, come già detto precedentemente , l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, già Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ADM, rilascia le autorizzazioni, quindi sono i “responsabili della legalità e della sicurezza delle attrezzature e degli spazi ricreativi”, e garantiscono la trasparenza del gioco.

In quanto membro dell’UE, l’Italia garantisce il rispetto della Direttiva sul gioco d’azzardo dell’UE. L’attuale legislazione del Paese ha aperto il mercato italiano del gioco d’azzardo agli operatori dell’UE e dell’EFTA.

Decreto Abrizo

Nel 2006, l’applicazione di sanzioni, hanno spinto la nostre autorità a deliberare il decreto “Abrizo”, che ha legalizzato il poker online, il gioco d’azzardo online, le scommesse virtuali, il tele gaming e altro ancora. Le regole del 2009 hanno introdotto un tasso forfettario del 20% sul guadagno lordo, ma questo è stato rapidamente cambiato nel 2011 quando per norma è stato introdotta una aliquota del 90% di ciò che i fornitori hanno raccolto dai giocatori.

Anche l’Italia ha fatto grandi progressi nell’apertura del mercato ai giocatori ed operatori legali dell‘UE, dell’EFTA e di altre aree soggetti a una licenza valida. Il gioco d’azzardo online è legale, i giocatori possono anche sfruttare molte opportunità all’estero se rispettano le regole dell’UE dal 2011.

Il mercato italiano del gioco d’azzardo è altamente regolamentato e le autorità reprimono i fornitori di servizi online senza licenza. Quindi giocherai solo su piattaforme autorizzate. Anche la legislazione sul gioco d’azzardo cambia e apre il mercato a più attività di gioco, quindi è necessario essere consapevoli dei cambiamenti nelle leggi.

In precedenza, il governo tassava tutte le vincite di gioco superiori a € 500 al 6%, che saliranno al 10% nei prossimi anni. Anche le tasse sulle vincite alla lotteria aumenteranno dal 6% all’8% per tutte le entrate superiori a € 500. I giocatori vincitori devono dichiarare le loro scommesse in Italia.

Il mercato dei giochi online italiano è il secondo in Europa, In Italia i redditi dei giocatori sono aumentati del 25% negli ultimi anni e lo Stato vuole una quota degli utili. Le normative incoraggiano inoltre l’ingresso di nuovi attori nel mercato sia nazionale che internazionale, per cui è prevedibile un’ulteriore crescita dei ricavi.

Decreto Dignità 2018

La più recente importante legge sul gioco d’azzardo è chiaramente la Direttiva Decreto Dignità del 2018, seguita dalle Linee guida dell’AGCOM del 2019. Queste regole hanno rivoluzionato la pubblicità del gioco d’azzardo e continuano a farlo.

Secondo il regolamento, è vietata la sponsorizzazione di giochi d’azzardo e attività indipendentemente dai media e tutto quanto sopra. Pertanto, non sono ammesse pubblicità relative a giochi e vincite e premi in denaro, anche se non diretti. Questo vale anche per i casinò online.

Fino al 2002 si è cercato di liberare il gioco dal cosiddetto gioco pubblico, dopo che la deregolamentazione è stata utilizzata come strumento di pianificazione fiscale, ovverosia. raccolta fondi, per vari motivi, ad esempio crisi finanziaria come nel 2001, o debito pubblico.

Nel 2005, è stato conferito conferito alle autorità doganali e garanti della concorrenza il potere di regolamentare il gioco d’azzardo online, che ha vietato qualsiasi sito web che non avessero le autorizzazioni necessarie. Dal 2009, in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 88 della legge sul gioco d’azzardo, vige il divieto di gioco per i minori, nonché alcuni obblighi e restrizioni alla presentazione dei documenti di identità per l’obbligo di registrazione.

Inoltre la Legge n. 190 del 2014 e la Legge di Stabilità (Legge n. 208 del 2015), sono entrambe volte ad aumentare sia i controlli che le pene per chi trasgredisce le regolamentazioni in materia.

Requisiti richiesti

Requisiti che i casinò online devono soddisfare, tra cui:

Il tipo di software utilizzato, la trasparenza nella gestione di tutte le transazioni finanziarie e rispetto della legge italiana, la definizione e divulgazione dei rischi per tutelare i minori, il  rispetto delle regolamentazioni per evitare truffe, estorsioni e riciclaggio di denaro.

Per una lista di Casino legali e regolamentati visita: Casinolegali.com

 

 

 

 

 

 

 

 

Millionaireweb.it consiglia

Conto Demo Gratis eToro

Millionaireweb.it

Millionaireweb.it consiglia

Conto Demo Gratis eToro

Millionaireweb.it

Lascia un Commento