Restano deboli i listini USA

Tutti gli indici USA sono in calo sulle piazze azionarie americane, il Down Jones fa segnare un ribasso dello 0,42% ed il Nasdaq Composite ha fatto segnare un ribasso dello 0,05%.

La cautela prevale su tutto e la maggior parte degli operatori preferisce liquidare in fretta le posizioni in attesa che vengano pubblicati i dati macroeconomici.
Il dato di conferma sulla fiducia dei consumatori è conciso con l’incremento delle vendite a conferma della classica correlazione inversa fra i fondamentali e Wall Street.

Sotto il punto di vista macroeconomico la CB (Conference Board) ha dichiarato che la fiducia dei consumatori è salita a 90.9 superando le previsioni degli analisti che avevano fissato tale dato a 85.5, in ribasso rispetto alla precedente rilevazione che era stata a 86.4.

Questo periodo è molto ricco di notizie nel calendario macro USA, verranno rilasciate a breve la variazione dei nuovi occupati nel settore privato e la pubblicazione del PIL relativo al secondo trimestre Aprile/Maggio/Giugno.

In seguito ci sarà la riunione dell’Organo Esecutivo della FED (FOMC) che discuterà sulle prospettive future.

L’indice S&P500 resta a quota 1.973, il Nasdaq sale a quota 3.970 ed il Future su Dow Jones si assesta a 16.951 punti.

Dal lato commodities l’oro è quotato 1.300 dollari l’oncia e il petrolio è scambiato al Nimex a 101 dollari il barile.

Conto Demo gratuito!

Leave a Reply